litrello

Siamo partiti dai resti dell’antica abbazia “Santa Maria di Peseca”, fondata dai monaci italo-greci tra il X e l’XI secolo. Era affiancata da una chiesa che è andata completamente distrutta. Fu fondata nel 970 d.C. da Monaci Basiliani, in seguito al ritrovamento ritenuto miracoloso da parte degli abitanti della vicina Taverna (CZ), di un’icona della Vergine con in braccio un Bambino. Percorrendo il sentiero che dai ruderi dell’Abbazia conduce giù nel vallone dove scorre il torrente Litrello, dopo circa 2 km di cammino, attraversando un bosco di cerri, intervallati da castagni ed un sottobosco ricco di erica selvatica e frastagliato da alcune formazioni rocciose monolitiche molto suggestive e da alcuni esemplari di pini secolari che svettano sui ripidi crinali, raggiungiamo ” La cascata Litrello”. Dopo aver goduto della sua spettacolare energia, abbiamo proseguito  prima per la Torre di guardia del Boiardo, meglio nota come “Torrazzo”, costruita probabilmente in epoca bizantina in funzione anti-saracena e poi verso la caratteristica chiesa “Madonna della Santa Spina” per una breve sosta tra il suo incantevole paesaggio. Terminiamo l’escursione con la visita del borgo  di Taverna, città natale dell’artista Mattia Preti,  inoltrandoci tra le caratteristiche stradine, la chiesa monumentale di San Domenico, il museo civico, la strada delle poesie ed il museo open air.                                  Accompagnatore e  Socio Cai Marco Garcea

Per il video: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=rGptNGPIozQ

lit