Dalla Chiesa Santa Maria Assunta a Frascineto, guidati da Monica e Nicola, imbocchiamo subito il sentiero dell’Eremita che conduce ai ruderi dell’Eremo della Madonna di Lassù,  noto con il nome di  Santuario della Madonna di Lassù (Shën Mëria Këtje Lartë in lingua albanese) che si trova ad un’altezza di 850 metri, in un anfratto delle rocce del Timpone del Corvo a nord dell’abitato di Frascineto. Proseguimento fino a raggiungere una radura caratterizzata dalla presenza di monoliti e pareti a strapiombo con vista sulla piana di Sibari, i monti dell’Orsomarso e la Manfriana. Dopo la  breve sosta, attraverso una ripida discesa, giungiamo al “pollice del diavolo” e alla “grotta nera”. Proseguendo lungo un sentiero poco agevole,  in parte sconnesso e sassoso, eccoci alla grotta del Campanaro (sul bordo inferiore è presente una particolare formazione rocciosa somigliante ad un grosso “osso”), un antico ricovero per animali con un muro a secco e un arco naturale detto del “campanaro”. Poco più in alto, superato un piccolo passaggio tra le rocce, una stupefacente vista su una parete di roccia variamente colorata e scavata. Si ritorna percorrendo a ritroso parte del sentiero per imboccare una bellissima mulattiera scavata in parte nella roccia, che si snoda su rocce e pietraie, tra infinite formazioni rocciose dalle forme bizzarre e “sembianze” più varie e lambendo “SCANDERBEG” un monolite che ricorda l’eroe albanese con l’elmo. Continuando per il sentiero giungiamo all’abitato di Eianina e terminare l’escursione. Ma la giornata non finisce qui, perchè ci aspetta la visita guidata al Museo delle Icone e della tradizione bizantina di Frascineto, centro d’eccellenza della cultura bizantina in Calabria, con una ricca collezione di oltre 600 icone provenienti dalla Serbia, Grecia, Russia, Ucraina, Bielorussia. Anche oggi la Calabria ci ha stupito con le sue bellezze naturalistiche e culturali.

foto del socio Vincenzo Peris

doldol1dol2dol3dol4dol5dol6dol7dol8dol9dol10 dol11